Conflitto subacromiale

Conflitto Subacromiale

Conflitto subacromiale: cos'è, quali sono le cause e quali sono i rimedi con l'osteopatia.

Il Conflitto Subacromiale (detto anche Sindrome da Impingement) è la più frequente patologia della spalla.

Consiste in un’alterazione degenerativa dello spazio subacromiale, cioè tra l’acromion della scapola (ovvero, la prominenza ossea che si articola con la clavicola) e la testa dell’omero. Dato che all’interno dello spazio subacromiale avviene il passaggio dei tendini della cuffia dei rotatori (i tendini sovraspinoso, sottospinoso, piccolo rotondo e sottoscapolare), se tale passaggio si restringe avviene una compressione dei tendini, che possono logorarsi e causare dolore e deficit di movimento.

Cause e fattori di rischio della sindrome da impingement

Le cause principali di questa patologia sono imputabili a:

un over use dei muscoli della spalla (ad esempio, lavori manuali faticosi che prevedono l’elevazione delle spalle). In tali condizioni, i tendini sono soggetti a troppe sollecitazioni e, perdendo scorrevolezza, rimangono intrappolati nello spazio subacromiale.

un uso sbilanciato dei muscoli della spalla. All’interno dell’articolazione, ogni muscolo lavora coordinandosi con gli altri: se questa macchina perfetta si altera, alcuni tendini saranno più sollecitati e ciò provocherà dolore. Tale sbilanciamento può avvenire sia all’interno della spalla (tra muscoli con compiti diversi), sia tra spalla e scapola, o tra spalla e colonna vertebrale.

Compito dell’osteopata è quello di individuare la causa disfunzionale e trattarla nel modo più opportuno.

Sintomi e diagnosi

La diagnosi viene fatta dal medico specialista partendo dall’analisi clinica del paziente e, se necessario, con l’ausilio di ecografia e RMN.

Il Conflitto Subacromiale comporta dolore e in alcuni casi anche un senso di pizzicore alla spalla. Questi sintomi sono evidenti nei movimenti di elevazione laterale e anteriore, soprattutto al di sotto dei 90°.

Il dolore può protrarsi anche a riposo, associandosi a borsiti, capsuliti e tendiniti della cuffia dei rotatori.

Nelle situazioni più gravi, infine, può presentarsi una lacerazione tendinea importante, fino al distacco completo del tendine, che ha come unica soluzione la chirurgia.

Il trattamento della patologia con l'osteopatia e la ginnastica posturale

La Sindrome da Impingement viene trattata in maniera differente a seconda della gravità. Distinguiamo dunque due fasi principali:

Fase Acuta, che dura in media 4/5 giorni, in cui il lavoro dell’Osteopata ha come obiettivo il rilascio dei muscoli in tensione, cercando di favorire il ritorno delle strutture capsulolegamentose nella loro posizione di non-dolore.
In questa fase, si presta attenzione anche ai muscoli cervicali, dorsali e al diaframma, per rompere eventuali compensi che il dolore alla spalla potrebbe aver creato in questi distretti muscolari. Il paziente può trarre giovamento anche dall’applicazione di ghiaccio, dal riposo e dall’uso di farmaci antinfiammatori.

Fase Persistente, in cui il dolore si abbassa d’intensità e consente dei movimenti, ma non scompare del tutto. In questa fase, l’Osteopata indaga sulla causa disfunzionale per trattarla nella maniera più opportuna: dalle retrazioni fasciali dei muscoli del braccio ad un errato rapporto tra spalla e colonna, a livello cervicale o dorsale.

Vuoi saperne di più?

Contattami per avere maggiori informazioni su come l’Osteopatia può gestire e risolvere il Conflitto Subacromiale o per fissare un appuntamento.


Dott. Massimo Lo Conte

PRENOTA APPUNTAMENTO

Entro 24 ore dall’invio della richiesta di prenotazione riceverai una email di conferma con data, ora e luogo dell’appuntamento

    Ariano IrpinoGrottaminardaRoma




    PRENOTA TELEFONICAMENTE  >   +39 333 2170422

    PRENOTA TELEFONICAMENTE 

     +39 333 2170422